Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Decine di parenti delle centinaia di persone scomparse nel naufragio della nave da crociera Eastern Star, avvenuto martedì notte in Cina, infuriati hanno sfondato oggi i cordoni della polizia per avere informazioni sui loro cari. Lo riferisce la Bbc.

Le autorità cinesi hanno assicurato che faranno tutto ciò possibile per sostenere le operazioni di soccorso. Ma i familiari degli scomparsi lamentano di sentirsi ignorati dalle autorità locali. E la loro rabbia è anche aumentata dal momento, dicono, che nessuno fornisce informazioni dettagliate sulle operazioni di soccorso. In centinaia sono rinchiusi in un albergo nelle vicinanze, a guardare gli stessi servizi televisivi a disposizione anche del resto del paese, mandati in onda a ripetizione dalla tv di stato.

I soccorritori, intanto combattono contro le avverse condizioni del tempo e nonostante la forte pioggia, sono riusciti a tagliare lo scafo della nave rovesciata per dare modo ai subacquei di entrare nell'interno e continuare le ricerche dei sopravvissuti. "La nave è affondata in un lasso di tempo molto breve, quindi ci potrebbe essere ancora l'aria intrappolata nello scafo", ha spiegato Li Qixiu dell'Università di Ingegneria Navale all'agenzia statale Xinhua.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS