Navigation

Cina: oltre duemila tibetani in strada per proteste

Questo contenuto è stato pubblicato il 19 marzo 2012 - 10:56
(Keystone-ATS)

Oltre 2000 persone sono scese ieri e oggi in strada a Malho, nel Tibet Orientale, brandendo bandiere tibetane, protestando per l'occupazione cinese del Tibet e chiedendo il ritorno del Dalai Lama. Lo riferiscono fonti di organizzazioni che si battono per la causa tibetana.

Dalle 7.30 di ieri mattina i manifestanti hanno occupato le strade cittadine seguendo di un giorno la protesta di oltre 8.000 tibetani a Rebkong,che hanno anche reso omaggio alla salma di Sonam Dhargey, l'agricoltore che si è dato fuoco sabato. Si è trattato della trentesima immolazione dal 2009.

Nella serata di ieri la polizia ha deciso di intervenire, respingendo i manifestanti e arrestandone una ventina. Le proteste però non si sono placate e i manifestanti si sono recati verso la locale stazione di polizia dove il portone d'ingresso è stato divelto. Solo a questo punto la polizia ha rilasciato gli arrestati. Un'altra manifestazione è stata registrata stamattina sempre nella stessa area.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?