Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Meng Hongwei, presidente cinese di Interpol.

Keystone/EPA INTERPOL/INTERPOL / HANDOUT

(sda-ats)

Il presidente dell'Interpol Meng Hongwei, 'sparito' dal 29 settembre, è sotto indagine per il sospetto di "violazioni della legge".

È quanto riportano i media ufficiali cinesi aggiungendo che Meng, che è di nazionalità cinese, è attualmente nel mirino della Commissione di supervisione.

L'Interpol ha annunciato in serata con un comunicato ufficiale pubblicato sul suo account Twitter di "aver ricevuto le dimissioni di Meng Hongwei dalla carica di presidente". La carica sarà assunta temporaneamente dal vice presidente del comitato esecutivo, il sudcoreano Kim Jing Yang.

Menga Hongwei, che ha 64 anni ed è cinese ma risiede a Lione, non ha più dato notizie di sé ai parenti dal 29 settembre, mentre si trovava in viaggio nel suo Paese d'origine.

È stata la moglie a segnalare la scomparsa di Meng, ex-dirigente del partito comunista cinese (PCC), alle autorità francesi.

Prima di essere eletto a fine 2016 alla guida dell'organizzazioe, Meng Hongwei era viceministro in Cina, responsabile per la sicurezza pubblica. La nomina ad Interpol venne criticata da alcune Ong attive nella difesa dei diritti umani. Il suo mandato scade nel 2020.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS