Navigation

Cina: protesta formale con Canada per detenzione Lady Huawei

Meng Wanzhou a capo della finanza di Huawei (foto d'archivio) KEYSTONE/AP/JONATHAN HAYWARD sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 29 maggio 2020 - 14:53
(Keystone-ATS)

La Cina ha espresso "disappunto e ferma opposizione" per la decisione della Corte Suprema della British Columbia.

Quest'ultima mercoledì ha disposto la continuazione del procedimento sull'estradizione negli Usa contro Meng Wanzhou, la manager a capo della finanza di Huawei e figlia del suo fondatore Ren Zhengfei: a tal proposito, Pechino ha presentato una protesta formale contro il Canada, ha affermato il portavoce del ministero degli Esteri, Zhao Lijian.

Pechino ha più volte sollecitato la scarcerazione immediata della manager, al fine di evitare un peggioramento delle relazioni tra Pechino e Ottawa.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.