Navigation

Cina: quattro condanne a morte per attentati Xinjiang

Questo contenuto è stato pubblicato il 15 settembre 2011 - 10:04
(Keystone-ATS)

Quattro persone coinvolte negli attacchi terroristici dello scorso luglio nella provincia nord occidentale cinese dello Xinjiang sono stati condannati a morte. Lo riferisce lo Shanghai Daily.

I tribunali di Hotan e Kashgar li hanno ritenuti colpevoli di essere le menti e gli organizzatori di attentati terroristici, di fabbricazione illegale di esplosivi, omicidi e incendi dolosi, comminando loro la pena capitale. Due altri loro complici sono stati invece condannati a 19 anni di carcere.

Lo scorso 18 luglio un gruppo di rivoltosi attaccò una stazione di polizia nella città di Hotan, provocando la morte di 4 persone e il ferimento di altre quattro. In altri due separati attacchi, il 30 e il 31 luglio scorso, a Kashgar morirono in totale altre 13 persone e 44 rimasero ferite.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?