Navigation

Cina: scrittore condannato a 10 anni per 'sovversione'

Questo contenuto è stato pubblicato il 19 gennaio 2012 - 07:51
(Keystone-ATS)

Lo scrittore cinese Li Tie, 52 anni, è stato condannato a dieci anni di carcere per "sovversione dei poteri dello Stato" da un tribunale di Wuhan, nella Cina centrale.

Il giornale South China Morning Post, pubblicato a Hong Kong, riporta il racconto di un parente, secondo il quale lo scrittore si è dichiarato innocente. L'accusa si basa su un saggio intitolato "La dignità umana è equivalente al Paradiso", nel quale lo scrittore invita i cittadini cinesi a difendere i loro diritti.

Li è il terzo dissidente a essere condannato a una pesante pena detentiva nell'ultimo mese. Prima di lui Chen Xi era stato condannato anche lui a dieci anni, e anche lui per sovversione, da un tribunale del Guizhou, e Chen Wei aveva avuto nove anni di prigione nella provincia del Sichuan, sempre per sovversione.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?