Navigation

Cina: sequestro record di yuan falsi, pari a 58 milioni franchi

Le quantità di banconote sequestrate sono enormi. KEYSTONE/AP sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 15 maggio 2020 - 08:45
(Keystone-ATS)

La polizia cinese ha smantellato una rete di falsari, sequestrando banconote contraffatte per un importo record di 422 milioni di yuan, l'equivalente di 58 milioni di franchi.

Si tratta della somma più elevata mai confiscata nella storia della Repubblica Popolare Cinese, fondata nel 1949 da Mao Tse-tung, afferma il ministero della pubblica sicurezza in un comunicato di cui riferisce l'agenzia Nuova Cina.

In manette sono finite 16 persone delle province di Heilongjiang e Guangdong, rispettivamente all'estremità settentrionale e meridionale del paese. Le autorità non specificano il luogo o la data esatta delle operazioni.

Le banconote confiscate sono da 100 yuan (circa 14 franchi), il taglio più alto in circolazione, e recano l'immagine di Mao, come peraltro tutte le altre.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.