Navigation

Cina: studio, migliaia i gay sposati per nascondersi

Questo contenuto è stato pubblicato il 03 febbraio 2012 - 09:37
(Keystone-ATS)

Sarebbero almeno sedici milioni in Cina le donne sposate con omosessuali, i quali così, per paura nei confronti di una società che li discrimina, si nascondono. Lo rivela uno studio condotto da un esperto dell'Università di Qingdao, secondo quanto riferisce il "China Daily".

Secondo Zhang Bei-chuan, ritenuto una delle massime autorità in Cina anche per quanto riguarda le tematiche connesse all'AIDS, il 90% degli omosessuali cinesi si sposa con donne, soprattutto a causa delle pressioni sociali e familiari.

"È verissimo - conferma Xiao Yao, una editrice di 29 anni che ha divorziato dal marito omosessuale nel 2008 - conosco molte donne che, come ho fatto io per un po', soffrono in silenzio accanto ad un uomo che non solo non le ama ma che spesso le maltratta sia fisicamente che verbalmente". Dopo aver preso la decisione di lasciare il marito, Xiao ha aperto un sito internet proprio per le donne come lei, per aiutarle a scegliere e prendere la decisione giusta. Il sito, chiamato "La terra delle mogli dei gay" ha già 1'200 utenti registrati e sta riscuotendo molto successo.

"Il sito dà la possibilità a queste donne di non sentirsi sole - spiega Xiao - sapendo che ci sono altre persone con i loro stessi problemi e spesso da loro la forza di reagire e fare le scelte giuste". La ricerca del professor Zhang non ha però suscitato reazioni univoche. Più di uno, nell'ambito della comunità omosessuale, ha sollevato dubbi sulla sua attendibilità.

"Si tratta di una ricerca senza sostanza, non verificabile - ha commentato tra gli altri Xiao Dong, un omosessuale di 36 anni - anche se senz'altro ci sono implicazioni sociali che possono spingere un gay a sposarsi non è possibile stabilire con certezza il numero dei gay sposati".

"Io non desidero un matrimonio eterosessuale - ha dichiarato un altro omosessuale di 27 anni, Wang Zi - ma è vero che ci si può sentire indotti a farlo per non urtare i sentimenti della famiglia, per nascondere un segreto. Io non dirò mai la verità ai miei. Forse potrei sposare una donna lesbica e potremmo così vivere entrambi onestamente seguendo i nostri stili di vita".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?