Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Cina taglierà altri 500mila posti di lavoro nel 2017 nei settori dell'acciaio e del carbone per limitare la produzione eccessiva, fonte di aspri scontri commerciali a livello mondiale.

Ma il governo offrirà gli aiuti necessari alla ricerca di altra occupazione, avvio di nuove attività o semplicemente per il pensionamento.

"Quest'anno, per ridurre l'eccesso di capacità, c'è bisogno di sistemare 500mila lavoratori", ha affermato Yin Weimin, ministro per Risorse umane e Social security, in una conferenza stampa.

Nel 2016 Pechino ha sostenuto sforzi simili verso 726mila persone che hanno perso il lavoro nell'acciaio e nel carbone, pari al 40% delle 1,8 milioni di unità di target fissato dalle autorità. Gli sforzi contro l'eccesso produttivo interesseranno anche cemento e vetro, ma Yin non ha fornito dettagli.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS