Navigation

Cina: virus misterioso, sei vittime

Il misterioso virus spaventa la Cina e non solo. KEYSTONE/EPA/wh ed sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 21 gennaio 2020 - 11:49
(Keystone-ATS)

La Cina ha annunciato di aver registrato la quarta, la quinta e la sesta vittima a causa del misterioso coronavirus simile alla Sars. Lo comunicano le autorità sanitarie locali, secondo cui uno dei morti è un 89enne.

L'uomo, stando a quanto riferito in un comunicato stampa, è deceduto nella città di Wuhan, il focolaio da dove si è diffuso il virus, dopo aver accusato difficoltà respiratorie. Il totale dei contagiati è ora di 291, tra cui 77 nuove segnalazioni.

Intanto, un primo caso sospetto è stato osservato anche in Australia. Stando a quanto riporta la Abc, una persona di ritorno dalla Cina - e più precisamente proprio da Wuhan - presentava sintomi riconducibili al virus, ma mancano conferme ufficiali. L'uomo è stato messo in isolamento nella sua abitazione.

Secondo il Centro europeo per il controllo delle malattie (Ecdc) il pericolo che il virus arrivi in Europa è basso. Le probabilità potrebbero però aumentare con le imminenti celebrazioni del Capodanno cinese, che implicano più viaggi del solito.

I casi accertati dall'Ecdc fuori da Wuhan sono sette: a Pechino e Guandong, in Thailandia, Giappone e Corea del Sud. Nel Paese del Sol Levante, dove un 30enne, da poco rientrato da Wuhan, è stato trovato malato, il governo adotterà nuove misure, come la quarantena per il controllo dei passeggeri provenienti da aree a rischio.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.