Navigation

Cinema: è morta Linda Christian

Questo contenuto è stato pubblicato il 23 luglio 2011 - 10:02
(Keystone-ATS)

È morta ieri ad 87 anni, a Palm Springs in California, Linda Christian, una delle ultime dive di Hollywood degli anni '40 e '50, ribattezzata da Life 'The Anatomic Bomb' per la sua straordinaria bellezza. La notizia è stata data in Italia da Romina Power, la figlia avuta dal matrimonio con Tyrone Power, che l'ha assistita negli ultimi tre anni nella lotta contro un tumore al colon.

Linda Christian (Blanca Rosa Henrietta Stella Welter Vorhauer, per il suo passaporto messicano) avrebbe compiuto 88 anni il prossimo 13 novembre. Era nata ad Acapulco dove il padre, un ingegnere petrolifero olandese, si trovava per lavoro con la madre messicana, ma di famiglia tedesca.

Ad Acapulco Linda fu scoperta giovanissima da Erroll Flynn, che la convinse a interrompere gli studi e trasferirsi ad Hollywood, dove firmò subito il suo primo contratto da attrice con la Mgm. Negli anni '40, per la sua straordinaria bellezza Life Magazine la battezzò 'the anatomic bomb'. Poco dopo conobbe Tyrone Power, già affermata star del cinema e del teatro. Dopo due anni di fidanzamento si sposarono a Roma nel gennaio del 1949. Un matrimonio da favola, nella chiesa di Santa Francesca Romana a due passi dal Colosseo, festeggiato da migliaia di persone. Gli sposi furono ricevuti dal papa Pio XII. Il nome della chiesa ispirò Linda e Tyrone anche alla nascita della prima figlia, Romina. Due anni dopo nacque una seconda bambina, Taryn Stephany. Dopo la morte di Tyrone Power, Linda fu sposata con l'attore inglese Edmund Purdom.

Linda amava viaggiare, era una giramondo, parlava 7 lingue, tra i suoi amici c'erano le persone più influenti della sua epoca. Fu la modella preferita del pittore Diego Rivera, anche lei amava dipingere, soprattutto ritratti dei suoi 8 nipoti.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?