Navigation

Cinema: Cina divisa su "Kung Fu Panda 2", distorce tradizioni

Questo contenuto è stato pubblicato il 29 maggio 2011 - 16:27
(Keystone-ATS)

Polemiche in Cina per l'uscita di "Kung Fu Panda 2", il sequel del grande successo del 2008, "Kung Fu Panda", il film a cartoni animati che racconta le vicende di un panda gigante che impara le arti marziali. Ieri mentre migliaia di persone hanno fatto lunghe file per accaparrarsi un biglietto per vedere il primo spettacolo, molti altri invece hanno iniziato una campagna di boicottaggio del film.

"Kung Fu Panda 2" è stato presentato in Cina in concomitanza della Giornata internazionale dei bambini. Il nuovo film, rispetto a quello precedente, contiene più elementi cinesi come il gioco delle ombre e la danza del leone. Tuttavia, alcuni artisti e studiosi cinesi affermano che il film, prodotto dalla DreamWorks, distorce la cultura cinese e serve come strumento per "rapire" la mente del popolo cinese.

"Il Children's Day deve essere puro, - ha scritto in una lettera aperta ai dirigenti del cinema cinese Zhao Bandi, un artista di avanguardia, secondo quanto riferisce l'agenzia Nuova Cina - non bisogna trasformarlo in un giorno per fare fare soldi ad Hollywood". Già nelle ultime due settimane, Zhao ha usato i propri soldi per far pubblicare annunci sui giornali a Pechino e Canton, invitando i fan a non guardare il film.

"La mia è una vera e propria battaglia", ha detto l'artista. Anche nel 2008, Zhao aveva avviato campagne di boicottaggio per Kung Fu Panda, che però, a dispetto del suo impegno, si rivelò un successo incredibile ai botteghini cinesi incassando circa 180 milioni di yuan (27,7 miliardi di dollari Usa). La battaglia di Zhao è sostenuta anche da Qingdong Kong, un noto professore di lingua cinese presso l'Università di Pechino, che ha detto che gli elementi cinesi del film sono diventati la pubblicità di prodotti per difendere la cultura americana. "Si tratta di una invasione culturale", ha detto Kong. Il personaggio principale del film, il Panda Po, ha però milioni di fan in Cina. "Non voglio parlare di invasione culturale", ha detto Li Jiayi, uno studente universitario di Pechino alla Xinhua.

"Non vedo niente di male nel fatto che altri utilizzino i nostri elementi culturali per fare un film". Yuan Weili, una venticinquenne di Shijiazhuang, capitale della provincia settentrionale dell'Hebei, ha detto all'uscita del cinema di aver aspettato tre anni per vedere il sequel. "I fan di Po sono tantissimi. Nonostante sia un cartone animato, è molto amato anche da molti adulti come me", ha spiegato. Secondo Cao Hui, vice direttore generale della Shenzhen Global Digital Creations, una importante società che realizza animazioni digitali, invece che guardare ai boicottaggi, i produttori dei film dovrebbero imparare dal film a fare un uso migliore degli elementi della storia cinese. "Tecnicamente, Kung Fu Panda non è migliore di film cinesi - ha detto Cao - ma per quanto riguarda le competenze sulla storia da raccontare, i film cinesi hanno ancora una lunga strada da percorrere".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.