Navigation

Cioccolato: produzione in leggero calo

Questo contenuto è stato pubblicato il 10 febbraio 2012 - 11:18
(Keystone-ATS)

L'industria svizzera del cioccolato ha registrato lo scorso anno un volume di vendite pari a 176'332 tonnellate, in leggero calo dello 0,1% rispetto al 2010: il fatturato è sceso del 3,1% a 1,69 miliardi di franchi.

Stando all'associazione di categoria Chocosuisse, che riunisce 18 aziende per un totale di 4328 impiegati, la diminuzione si deve alla forza del franco, alla pressione sui prezzi da parte dei distributori e alla scarsa propensione ai consumi. Ha inciso negativamente anche il calo dei turisti.

In Svizzera - i dati mostrano la differenza di prezzo - sono stati venduti 69'281 tonnellate di cioccolato (-0,8% rispetto al 2010), per un volume d'affari di 870 milioni di franchi (-3,2%), e all'estero 107'051 tonnellate (+0,4%), per un fatturato di 820 milioni (-2,9%). La quota di cioccolato importato da oltre frontiera è cresciuto al 34%.

Principali clienti sono risultati la Germania (17% dell'export in termini di fatturato), Regno Unito (13,1%), Francia (9,2%) e Canada (6,7%).

Chocosuisse ha calcolato che il consumo medio di cioccolato in Svizzera è stato di 11,9 chilogrammi per abitante, 100 grammi in meno rispetto al 2010.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?