Navigation

Cipro: è allarme febbre tifoide nel nord occupato

Questo contenuto è stato pubblicato il 08 giugno 2012 - 12:35
(Keystone-ATS)

Una grave situazione sanitaria si sta registrando nella parte Nord di Cipro, sotto occupazione militare turca, a causa di liquami fognari che dal villaggio di Mia Milia sono finiti nel fiume Pedieos e quindi hanno raggiunto la città costiera di Famagosta.

A lanciare l'allarme è il quotidiano turco-cipriota Kibris il quale, citando informazioni diffuse dal gruppo ecologico "Associazione Famagosta Verde", scrive che negli ultimi giorni sono aumentati i casi di febbre tifoide, vomito e diarrea soprattutto fra i bambini nella zona interessata all'inquinamento delle acque.

Ceyhun Uniter, portavoce della Piattaforma ambientale di Famagosta, ha affermato che "molte località sono a rischio di infezione" e ha sottolineato che le autorità turco-cipriote non hanno sinora adottato alcuna misura nonostante tutti gli allarmi lanciati dai gruppi ambientalisti e dai media locali.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?