Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

LONDRA - L'incredibile vita marina dei fondali dell'Oceano Artico, ricchi di anemoni di mare, tunicati e coralli molli che prosperano nonostante le durissime condizioni ambientali, "è minacciata dai cambiamenti climatici, e i rischi per questo ecosistema marino sono in continuo aumento".
È il grido d'allarme lanciato da Greenpeace che, durante la spedizione "Arctic Under Pressure" a bordo del rompighiaccio "Esperanza", ha documentato la vita marina nei fondali al Polo Nord.
Temperature in crescita, cambiamenti nelle correnti oceaniche e acidificazione degli oceani stanno causando impatti profondi sulle zone artiche finora incontaminate, sottolinea l'associazione ambientalista.
Allo stesso tempo, il ritirarsi dei ghiacci polari permette alle flotte industriali di pescherecci a strascico - come alle esplorazioni petrolifere offshore - di spingersi in aree prima inaccessibili.
Per proteggere la vita dei fondali di questi oceani - finora preservata dai ghiacci - Greenpeace chiede una moratoria internazionale per ogni attività industriale, inclusa la pesca a strascico, nell'Oceano Artico.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS