Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Clima: WWF vuole un'imposta sui biglietti d'aereo

Il WWF chiede d'introdurre un'imposta sui biglietti d'aereo per proteggere il clima. È ora che la Svizzera si adegui a quanto già fanno i Paesi vicini, scrive oggi l'organizzazione ambientalista in una nota.

Il settore dell'aviazione è uno dei principali responsabili del cambiamento climatico e in Svizzera lo Stato "sovvenziona questo danno ambientale con numerosi privilegi fiscali: il traffico aereo non paga né l'IVA né la tassa sul CO2 e nemmeno l'imposta sugli oli minerali".

Il WWF chiede quindi l'applicazione di un'imposta sui biglietti aerei, come già fanno tutti i Paesi limitrofi. L'organizzazione propone una tassa di almeno 20 franchi per i voli a corto raggio (fino a 2500 km), di almeno 50 franchi per quelli a medio raggio e di 100 franchi per quelli a lungo raggio (oltre i 6000 km). Questi importi andrebbero inoltre raddoppiati per la Business Class.

I fondi raccolti potranno essere restituiti alla popolazione o venire utilizzati per il contributo che la Svizzera è tenuta a pagare per la protezione del clima globale nei Paesi in via di sviluppo, scrive ancora il WWF.

Patrick Hofstetter, responsabile per il settore clima ed energia del WWF, è convinto che "l’inquinamento ambientale causato dal traffico aereo ci costerà caro. È giunto il momento che la collettività non si assuma più queste spese ma passi alla cassa chi lo causa".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.