Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BADEN (AG) - Nel 2009 sono stati almeno 785 i bambini ricoverati nelle cliniche pediatriche svizzere a causa di maltrattamenti o perché trascurati. I responsabili sono nell'80% dei casi dei famigliari e più della metà degli abusi riguardano bambini di meno di 6 anni.
I casi di maltrattamenti hanno una frequenza quattro volte superiore a quella dei tumori diagnosticati nei bambini, sottolinea la Società svizzera di pediatria (SSP-SGP).
Per realizzare la prima statistica nazionale sull'argomento, la SSP si è avvalsa delle segnalazioni ricevute da 14 delle 30 istituzioni pediatriche svizzere: hanno partecipato, con due sole eccezioni, quasi tutte le cliniche della Svizzera tedesca, come pure tutte quelle del Ticino. Per la Svizzera romanda sono arrivate invece soltanto risposte dall'ospedale di Ginevra.
Secondo Markus Wopmann, primario dell'ospedale cantonale di Baden (AG) e responsabile dello speciale gruppo della SSP per la tutela dei bambini, i 785 casi segnalati dovrebbero comunque rappresentare "il grosso" dei casi effettivi.
In 229 casi (il 29% di tutti i maltrattamenti segnalati) i medici sono dovuti intervenire in seguito a violenze fisiche. Altri 219 casi (o il 28%) hanno riguardato abusi sessuali, 213 (27%) bambini che hanno dovuto essere curati perché trascurati e 121 (15%) hanno riguardato maltrattamenti psichici.
La statistica fornisce anche indicazioni sull'età dei bambini che subiscono maltrattamenti: 154 casi (o il 19% del totale) hanno interessato bambini di meno di un anno e 411 (il 52%) bambini fino ai sei anni d'età. In 322 casi (il 41% del totale) a subire dei maltrattamenti sono stati dei maschi e in 461 (59%) delle femmine.
In quattro casi su cinque - 619 in tutto - i responsabili dei maltrattamenti sono stati dei famigliari. In altri 111 casi (o il 14%) dei conoscenti del bambino e in 53 (7%) degli "estranei".

SDA-ATS