Navigation

CN: "no" a iniziativa "imprese responsabili", "sì" a controprogetto

La consigliera nazionale Marianne Streiff-Feller KEYSTONE/ANTHONY ANEX sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 04 marzo 2020 - 16:59
(Keystone-ATS)

Se approvata, l'iniziativa "Per imprese responsabili" provocherà un'ondata di cause e nuocerà all'attrattiva della piazza economica. È l'opinione del Consiglio nazionale che, con 105 voti contro 83, raccomanda bocciare la proposta di modifica costituzionale.

La camera ritiene però che i problemi da essa sollevati vadano presi sul serio, per questo motivo vuole affiancargli un controproposta. Due erano le varianti sui banchi del Nazionale: il suo controprogetto, già approvato due volte dalla Camera, e quello partorito in dicembre dal Consiglio degli Stati.

Con 102 voti contro 91 e 4 astensioni, la Camera del popolo ha deciso di non rinunciare al suo controprogetto sostenendo che esso fornisce direttive più chiare e offre maggiore certezza del diritto. La proposta della Camera dei cantoni è invece stata giudicata insufficiente: "non permette di risolvere i problemi sollevati dall'iniziativa", ha sottolineato Marianne Streiff-Feller (PEV/BE).

Con 103 voti contro 72 e 22 astenuti, il Nazionale ha poi bocciato la proposta democentrista di rinunciare a ogni controprogetto. Il dossier torna ora agli Stati.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.