Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

No" all'introduzione di un pedaggio alla galleria autostradale del San Gottardo (foto simbolica d'archivio).

KEYSTONE/URS FLUEELER

(sda-ats)

"No" all'introduzione di un pedaggio alla galleria autostradale del San Gottardo.

Il Consiglio nazionale ha nettamente bocciato oggi tre mozioni presentate a titolo personale da esponenti di PLR, PPD e PVL e firmate da decine di altri deputati di tutti i partiti, dalla sinistra all'UDC.

La prima mozione è stata depositata da Matthias Jauslin (PLR/AG) il 29 febbraio 2016, ossia all'indomani del netto sì (62,3%) dei cittadini svizzeri al raddoppio della galleria autostradale del San Gottardo. Il 2 e il 3 marzo sono poi seguiti gli atti parlamentari di Leo Müller (PPD/LU) e Jürg Grossen (PVL/BE).

I tre testi non si limitavano al San Gottardo, che però viene sempre evocato esplicitamente, ma facevano riferimento a tutti i valichi alpini della rete delle strade nazionali. Per i tre deputati, che tra l'altro giustificavano la loro richiesta con i pedaggi praticati in trafori italiani, austriaci, francesi e persino infrastrutture danesi, gli alti costi di realizzazione e gestione dei tunnel alpini in generale e del San Gottardo in particolare andrebbero almeno in parte coperti con questa modalità.

I pedaggi avrebbero il pregio di rendere meno "allettante" il transito e permetterebbero anche di finanziare misure per migliorare la fluidità del traffico e la sicurezza. Per i pendolari e le economie locali, i tre consiglieri nazionali avevano previsto sistemi di sconto, sul modello di quanto già avviene all'estero.

Invitando il plenum a bocciare i tre atti parlamentari, la consigliera federale Doris Leuthard ha chiesto perché i mozionari volessero far pagare unicamente il transito nei tunnel alpini e non nelle gallerie dell'Altipiano. Al lucernese Müller, la ministra ha ad esempio ricordato che il progetto by-pass a Lucerna costa al chilometro molto di più rispetto al traforo sotto il San Gottardo.

Secondo Leuthard anche il confronto internazionale non regge: "in Europa esiste spesso un sistema basato sulla riscossione di un pedaggio, ma ciò è dovuto al fatto che le strade beneficiano sovente di un finanziamento privato, al contrario di quanto avviene in Svizzera, che prevede un finanziamento pubblico". "È quindi difficile confrontare i due sistemi", ha precisato.

La consigliera federale ha anche ricordato che secondo la Costituzione l'utilizzo delle strade pubbliche è esente da tasse, anche se sono ammesse eccezioni (attualmente l'unico collegamento con un pedaggio è il tunnel del Gran San Bernardo). Per questo motivo, introdurre pedaggi su tutti i valichi non è possibile senza modificare la Magna Carta.

Al voto le tre mozioni non hanno avuto chance: quella di Jauslin è stata bocciata con 169 voti a 29 e un'astenuta, quella di Müller con 154 voti contro 32 e 6 astenuti, e quella di Grossen con 115 voti contro 74 e 3 astenuti.

Quasi tutti i consiglieri nazionali ticinesi (Ignazio Cassis/PLR, Marco Chiesa/UDC, Giovanni Merlini/PLR, Roberta Pantani/Lega, Lorenzo Quadri/Lega, Fabio Regazzi/PPD e Marco Romano/PPD) e grigionesi (Heinz Brand/UDC, Martin Candinas/PPD, Magdalena Martullo-Blocher/UDC e Silva Semadeni/PS) hanno bocciato le tre mozioni. Solo Duri Campell (PBD/GR) le ha approvate, mentre Marina Carobbio (PS/TI) si è astenuta sulla proposta di Grossen e ha bocciato le altre due.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS