Navigation

CN: "sì" a revisione legge protezione dati

Marco Romano (PPD/TI) avrebbe voluto che la nomina dell'Incaricato della protezione dei dati e della trasparenza spetti come ora al Governo, con successiva approvazione da parte delle Camere. KEYSTONE/LUKAS LEHMANN sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 25 settembre 2019 - 15:23
(Keystone-ATS)

Dopo una lunga e dettagliata discussione durata oltre sei ore il Consiglio nazionale ha approvato - con 98 voti contro 68 e 27 astenuti - il progetto di revisione totale della legge sulla protezione dei dati. Il dossier passa ora agli Stati.

I dibattiti su questo ponderoso oggetto erano cominciati ieri, ma non erano stati ultimati. La revisione mira ad adeguare la legislazione svizzera agli standard europei.

Dopo che ieri la Camera del popolo aveva sconfessato la sua commissione preparatoria, stabilendo che i dati concernenti le misure di assistenza sociale continueranno ad essere considerati informazioni degne di particolare protezione, oggi il plenum ha seguito una proposta commissionale su un altro aspetto importante della revisione: con 162 contro 30 e 1 astenuto, ha stabilito che l'Incaricato della protezione dei dati e della trasparenza va nominato direttamente dall'Assemblea federale, in modo da garantire una maggiore indipendenza. Attualmente è previsto che questo compito spetti al Governo, con approvazione da parte delle Camere.

Una minoranza, guidata dal consigliere nazionale Marco Romano (PPD/TI), ha chiesto invano di attenersi alla legislazione attuale.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.