Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

CN: 26 miliardi per formazione e ricerca 2013-2016

Formazione, ricerca e innovazione beneficeranno di almeno 26 miliardi di franchi per il periodo 2013-2016. Dopo il Consiglio degli Stati, anche la Camera del popolo ha approvato stamani questo credito ad ampia maggioranza.

Inoltre, per certi settori, il Nazionale ha chiesto un supplemento di circa 300 milioni di franchi e un aumento lineare dei budget.

Per il quadriennio in rassegna, i crediti approvati dalle Camere aumenteranno in media del 3,7% all'anno. L'importo per l'incoraggiamento della formazione, della ricerca e dell'innovazione (FRI) ammonta a 23,878 miliardi. Se si aggiungono i fondi previsti per i programmi quadro europei di ricerca, si ottengono i 26,079 miliardi.

Seguendo il parere della sua commissione preparatoria, il Consiglio nazionale ha approvato, con 109 voti contro 62, un aumento supplementare di 103 milioni per i Politecnici federali. Auspica che questi ultimi ricevano 9,58 miliardi, al posto di 9,48 previsti dal Consiglio federale e approvati dal Consiglio degli Stati.

Nello stesso intento, il plenum ha voluto che le università beneficiassero di 2,61 miliardi, ossia 54 milioni in più di quanto auspicato dai senatori. Il Fondo nazionale svizzero per la ricerca scientifica (FNS) otterrà 3,92 miliardi al posto dei 3,84 e la Commissione per la tecnologia e l'innovazione 605 milioni (+10%).

Tutte le formazioni politiche - a eccezione dell'UDC, una parte del PLR e del PPD - hanno votato in favore di questo supplemento complessivo di 300,9 milioni di franchi. Con un incremento medio del 3,7%, la formazione e la ricerca già beneficiano di un aumento ben superiore alla crescita annua ordinaria degli altri settori, ha rilevato inutilmente Felix Müri (UDC/LU).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.