Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il Consiglio nazionale ha respinto, andando contro il parere espresso dal Consiglio degli Stati, il controverso divieto di vendita di bevande alcoliche fra le 22:00 e le 6:00. Bocciata anche la messa al bando degli "Happy Hour". Le decisioni sono state prese nel quadro della revisione totale della Legge sull'alcool, la cui seconda parte è stata approvata oggi con 121 voti contro 59 e 2 astenuti.

Le due proposte respinte sono da più parti considerate il fulcro della revisione di legge. Il divieto notturno è stato bocciato con con 114 voti contro 59 e 11 astenuti, lo stop agli "Happy Hour" con superalcolici con 105 voti contro 74 e 5 astenuti.

I più agguerriti nel difendere le restrizioni sono stati i rappresentanti della sinistra, che hanno pensato soprattutto alla tutela dei giovani. "Non banalizziamo il consumo di alcol con sconti su alcolici a qualsiasi ora. Il mercato non deve avere la meglio sul buonsenso", ha tuonato la socialista Ada Marra (VD). La legge va aggiornata, e bisogna tenere conto dei comportamenti pericolosi. Gli "Happy Hour" non esistevano nel 1932 (anno di entrata in vigore della legge, ndr), pertanto bisogna intervenire.

I partiti "borghesi" hanno messo in dubbio l'efficacia degli articoli, giudicati contrari al libero mercato. Il gruppo PPD-PEV ha sottolineato come queste regolamentazioni spettino a comuni e città, non alla Confederazione.

La consigliera federale Eveline Widmer-Schlumpf ha difeso i divieti. "Non accettare queste proposte equivale ad un ammorbidimento rispetto alle leggi attuali, e questo non va bene". Offerte a basso prezzo vanno di pari passo con gli abusi, e sono proprio "i giovani ad essere i più sensibili alle variazioni di prezzo", ha affermato.

La Camera del popolo si è anche opposta, con 121 contro 50 e 12 astenuti, all'inserimento di un prezzo minimo per le bevande in funzione del grado alcolico.

Il Consiglio nazionale ha infine bocciato, con 126 voti contro 51 e 3 astenuti, un inasprimento delle regole sulla pubblicità, volto a vietare tutti gli alcolici, e non solamente le bevande spiritose.

Il testo ritorna adesso agli Stati.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS