Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Non è passata la linea dell'UDC, rappresentata da Andreas Glarner (AG).

KEYSTONE/PETER SCHNEIDER

(sda-ats)

Le persone ammesse provvisoriamente dovrebbero beneficiare di un nuovo statuto. Se la durata del soggiorno dovesse prolungarsi durevolmente, queste persone dovrebbero essere protette senza limiti di tempo.

Ne è convinto il Consiglio nazionale che oggi - con 113 voti contro 63 e 8 astenuti - ha accolto una mozione in tal senso della sua Commissione delle istituzioni politiche. Gli Stati devono ancora pronunciarsi.

Il Consiglio federale proponeva di accogliere il testo, mentre soltanto l'UDC, per bocca di Andreas Glarner (AG), si è detta contraria al progetto. Secondo il democentrista argoviese, gli statuti attuali sono sufficienti. I veri rifugiati devono rimanere, gli altri dovrebbero invece essere espulsi dalla Svizzera, ha sottolineato.

Stando al progetto commissionale, le persone di cui ci si può rendere conto rapidamente che rimarranno in Svizzera sine die dovrebbero ricevere lo statuto di "persona protetta" senza limiti di tempo. Chi necessita invece di una protezione temporanea, a causa per esempio di un conflitto nel Paese di origine, riceverebbe lo statuto di "persona da proteggere provvisoriamente".

Al momento, tutte le persone degne di protezione che non adempiono i criteri necessari per ottenere lo statuto di rifugiato, ma non possono essere rinviate nel Paese di provenienza, sono ammesse a titolo provvisorio. Oltre 35'000 persone vivono in Svizzera con questo statuto provvisorio, un terzo delle quali da oltre sette anni, ha sottolineato Kurt Fluri (PLR/SO) a nome della commissione.

Questo statuto, secondo la commissione, non tiene conto delle circostanze particolari che divergono sensibilmente da un caso all'altro. A suo avviso, invece, è possibile capire in tempi brevi che alcune persone rischiano di rimanere durevolmente in Svizzera. Queste persone potrebbero quindi godere del nuovo statuto che permetterebbe loro di avere più possibilità di successo sul mercato del lavoro.

Due statuti distinti

Lo statuto di "persona protetta" potrebbe avere le seguenti caratteristiche: nessuna limitazione temporale, possibilità del raggruppamento famigliare in caso di sicurezza finanziaria sufficiente, integrazione attiva sul mercato del lavoro grazie agli uffici regionali di collocamento.

Le statuto di "persona da proteggere provvisoriamente" sarebbe invece limitato nel tempo in funzione di una situazione particolare in un Paese o in una regione. Simile statuto verrebbe periodicamente rivalutato per determinare se la protezione sia ancora necessaria. Inoltre non sarebbe possibile il raggruppamento famigliare, mentre l'inserzione nel mercato del lavoro sarebbe limitata a lavori di interesse pubblico o temporaneo (come l'agricoltura).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS