Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Ulrich Giezendanner

Keystone/PETER KLAUNZER

(sda-ats)

Lo scandalo delle manipolazioni contabili presso AutoPostale è tornato a scaldare gli animi in Parlamento. In un dibattito acceso, il Consiglio nazionale ha trattato oggi una serie di interpellanze urgenti sulla vicenda.

Questo scandalo mostra che esistono grosse carenze e c'è la necessità di correzioni, ha affermato in entrata Thomas Hardegger (PS/ZH). Il governo ha lasciato che il consiglio di amministrazione di AutoPostale attuasse un sistema di compensazione che per primo ha spinto a operare in modo illecito, ha aggiunto.

Per Thierry Burkart (PLR/AG), il vero problema è quello dei conflitti di interesse: lo Stato guadagna, ma è a sua volta organo di vigilanza. "Queste imprese falsano la concorrenza", ha rilevato, chiedendo una distinzione netta fra imprese private e servizio pubblico. Thomas Ammann (PPD/SG) ha posto l'accento sulla sorveglianza. Non tutti hanno preso le responsabilità di quanto avvenuto tra il 2007 e il 2015, ha affermato, chiedendosi perché in quel periodo nessun organo di controllo abbia notato irregolarità.

Particolarmente duro è stato Ulrich Giezendanner, (UDC/AG), che ha chiamato in causa direttamente la ministra dei trasporti Doris Leuthard. Ha visto i fondi propri di AutoPostale Francia? 200'000 franchi, sono praticamente in fallimento, ha affermato. "Questa azienda non regge, è stata creata solo per drenare soldi", ha aggiunto, sostenendo che quanto successo è un vero scandalo. "Bisognerà fare pulizia anche dentro il Controllo federale delle finanze (CDF)."

Più in generale, i partiti borghesi hanno chiesto che le imprese della Confederazione non generino una distorsione della concorrenza con il settore privato. A sinistra sono state criticate le pratiche di versamento di bonus all'interno delle ex regie e la ricerca del profitto ad ogni costo, a scapito del ruolo di servizio pubblico.

La ministra dei trasporti Doris Leuthard ha messo a fuoco la vicenda AutoPostale, precisando che sono in corso di verifica le pratiche contabili per gli anni 2016 e 2017. Da restituire sarebbero 15,1 milioni per il 2016, ha spiegato, aggiungendo che il Consiglio federale non ha ancora cifre per il 2017.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS