Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Fino al termine dell'attuale legislatura nel 2015, il Consiglio federale non deve più chiudere rappresentanze consolari. È quanto auspica il Consiglio nazionale che, con 137 voti contro 41 e 11 astenuti, ha approvato una mozione di Roland Büchel (UDC/SG). Gli Stati devono ancora esprimersi.

Gli svizzeri all'estero sono sempre più numerosi, ma negli ultimi anni il numero di consolati si è dimezzato, ha affermato Büchel. Recentemente sono così state chiuse le rappresentanze in città dove la presenza elvetica è importante, come Amburgo, Düsseldorf, Chicago e Toronto. Contemporaneamente sono state aperte rappresentanze a Tirana e Bichkek (capitale del Kirghizistan). Orbene, pochi svizzeri sono capaci di situare queste due località su una cartina, ha continuato il sangallese.

I nuovi centri consolari regionali, che spesso coprono il territorio di più paesi, non possono sostituirsi a una presenza in loco. Per la maggioranza occorre quindi fare una pausa di riflessione e stilare un bilancio intermedio della nuova prassi.

Il consigliere federale Didier Burkhalter ha cercato invano di convincere i deputati a respingere la mozione. Per il ministro degli esteri i consolati sono stati chiusi laddove la richiesta è debole. Con l'instaurazione dei centri regionali le prestazioni non sono diminuite, anzi, i servizi sono diventati più moderni e professionali, ha spiegato il neocastellano.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS