Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

I richiedenti asilo continuano ad essere rinviati in Ungheria. Nonostante la fermezza con cui Budapest affronta la crisi migratoria, la Svizzera applica il regolamento di Dublino. Lo ha detto la ministra di giustizia e polizia Simonetta Sommaruga.

La Confederazione tiene comunque conto "delle circostanze particolari di ogni singolo caso", ha affermato oggi al Nazionale la consigliera federale durante l'ora delle domande.

"Secondo informazioni riportate dalla stampa - e confermate all'ats dallo stesso TAF, ndr - il Tribunale amministrativo federale (TAF) ha deciso di sospendere i rinvii fino a nuovo avviso", ha ricordato la ministra di giustizia e polizia. Orbene, "la Segreteria di Stato della migrazione (SEM) non dispone a tal proposito né di una comunicazione ufficiale né di una decisione del TAF".

Inoltre, l'Ungheria ha aderito alla Convenzione relativa allo status dei rifugiati, alla Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali e alla Convenzione contro la tortura ed altre pene o trattamenti crudeli, inumani o degradanti, ha ricordato Sommaruga, rispondendo a due domande di Jean-Luc Addor (UDC/VS). La SEM parte quindi dal principio che l'Ungheria rispetti i propri obblighi internazionali in questi settori, ha aggiunto.

Secondo quanto riferito dalla Neue Zürcher Zeitung lo scorso 23 febbraio, il TAF ha deciso la fine temporanea dei rinvii verso il Paese dei cosiddetti casi Dublino. Prima di eventualmente riprendere la prassi precedente e proseguire l'esame dei ricorsi pendenti, bisognerà attendere la fine delle verifiche in corso in merito alla situazione dei diritti dell'uomo.

La decisione, presa all'unanimità dai 28 giudici delle due Corti del tribunale che si occupano delle questioni legate all'asilo, era stata confermata all'ats dal responsabile della comunicazione del TAF Rocco Maglio. La conseguenza immediata è che richiedenti che hanno inoltrato un ricorso contro il rinvio - previsto dalle norme dello Spazio di Dublino - in Ungheria, rimangono nella Confederazione.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS