Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il Consiglio nazionale vuole una nuova legge sulla formazione continua, ma senza che lo Stato intervenga in maniera eccessiva. Fondamentalmente, l'argomento deve rimanere in mano ai privati. Il dibattito è stato lungo e acceso, e proseguirà domani.

La sinistra ritiene il progetto troppo timoroso e per questo motivo ha proposto una lunga serie di emendamenti. La destra si è vista invece respingere una richiesta di rimandare il dossier al Consiglio federale.

Sette anni dopo la decisione popolare di includere un articolo ad hoc nella Costituzione, la legge è essenzialmente volta a fissare i principi applicabili alla formazione continua e definire i margini d'azione dello Stato.

"Nessuno contesta la necessità di apprendimento nel corso di tutta la vita, visto ad esempio il rapido sviluppo delle tecnologie e dei profili professionali", ha detto Josiane Aubert (PS/VD) a nome della Commissione.

Il testo prevede che la formazione continua sia ancora organizzata da privati e dipenda principalmente dalla volontà del lavoratore. Il disegno di legge si prefigge soprattutto di migliorare la qualità dell'offerta e di renderla più trasparente.

Attualmente i corsi di perfezionamento organizzati da privati rappresentano un mercato di 5,3 miliardi di franchi, mentre i contribuiti della Confederazione si limitano a circa 600 milioni. La legge implicherà solamente due milioni di spese supplementari.

Visioni opposte

Secondo Verena Herzog (UDC/TG), la nuova legge si aggiunge all'apparato legislativo "sempre più fitto". La Confederazione non deve immischiarsi e non deve falsare la concorrenza tra i privati che occupano quasi interamente il settore della formazione continua.

La sinistra considera invece il progetto insufficiente: il disegno è "un passo nella giusta direzione" per la Svizzera, ha affermato Aline Trede (Verdi/BE). Ma per essere efficace, ha bisogno di un intervento statale nettamente più forte.

Anche se l'UDC è stato l'unico partito a opporsi frontalmente al disegno, l'alleanza borghese ha comunque retto agli attacchi provenienti da sinistra, e la Camera ha respinto tutte le proposte volte a un maggiore interventismo statale.

Fra i dettagli, la Camera del popolo ha deciso che l'acquisizione delle competenze di base va incoraggiato solo fra gli adulti. Con 99 voti contro 85 ha rifiutato di integrare i giovani. Per quel che riguarda l'eguaglianza, si è dato priorità a donne, disabili e stranieri. Non si è invece parlato delle persone meno qualificate.

Con 97 voti contro 85, il Consiglio nazionale ha inoltre deciso che consulenza e informazioni dovranno essere gratuiti, in modo che chiunque possa accedervi facilmente.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS