Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BERNA - I cantoni che, come Ginevra, vietano certe razze di cani pericolosi, dovrebbero poter continuare a farlo. Contro il parere del Consiglio degli Stati, il Nazionale ha deciso tacitamente di permettere loro d'essere più severi della legge federale, mantenendo questa divergenza con l'altra Camera.
Favorevole a una regolamentazione omogenea in tutto il paese, la Camera dei cantoni aveva deciso, con 23 voti contro 19, di non seguire il Nazionale. Una volta che la legislazione federale sui cani pericolosi sarà entrata in vigore, non dovrebbe più essere possibile applicare un'altra regola più severa.
Questa decisione ha irritato i cantoni interessati. Attualmente, 11 di loro fanno capo a liste di razze vietate, ha ricordato Mario Fehr (PS/ZH) a nome della commissione. Se non si permette ai cantoni di avere regole più rigorose, ci sarà il referendum e la legislazione nazionale potrebbe anche non superare questo scoglio, ha ammonito Fehr.
Con 109 voti contro 52, il Consiglio nazionale non ha invece voluto incaricare il Consiglio federale di sottoporre ad autorizzazione la detenzione di cani potenzialmente pericolosi. Soltanto un provvedimento del genere, che risponderebbe a quelli già adottati da certi cantoni, permetterebbe alla legge nazionale d'essere incisiva, ha sottolineato inutilmente Kathy Riklin (PPD/ZH).
I lavori parlamentari hanno finora dimostrato che la definizione dei criteri di pericolosità rientra nella quadratura del cerchio, ha risposto Oskar Freysinger (UDC/VS). Un pitbull di 15 chili può essere più pericoloso di un cane San Bernardo di 80 chili. Visto che il 60% dei cani sono incroci, si dovrebbe eseguire un test del DNA per ogni bestia.
Il progetto di legge federale, che ritorna ora agli Stati, non prevede divieti di razze canine in Svizzera. Tuttavia, il Consiglio federale potrà pretendere che certe bestie siano selezionate soltanto in allevamenti autorizzati e registrati dai cantoni. In Ticino non vi sono divieti, ma dal primo aprile 2009 è in vigore una legge sui cani che prevede restrizioni per 30 razze e i loro incroci.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS