Navigation

CN: imprese responsabili per subappaltatori disonesti

Questo contenuto è stato pubblicato il 27 marzo 2012 - 14:34
(Keystone-ATS)

La Commissione dell'economia e dei tributi del Consiglio nazionale vuole rafforzare le misure contro il dumping salariale e i falsi indipendenti. Con 15 voti contro 8, la commissione propone di introdurre il principio della responsabilità solidale nelle misure di accompagnamento all'accordo con l'Unione europea (UE) sulla libera circolazione delle persone. L'imprenditore che riceve un appalto deve essere responsabile anche in caso di mancato rispetto delle condizioni legali da parte di un suo subappaltatore.

"Concretamente - ha spiegato oggi alla stampa il presidente della commissione Christoph Darbellay (PPD/VS) - se il subappaltatore proveniente da un paese europeo della società svizzera di costruzioni Marti non rispetta i salari, quest'ultima sarà chiamata a pagare la differenza".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?