Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il sistema di ricerca automatica di veicoli e monitoraggio del traffico, il cosiddetto Sistema AFV, va esteso a tutti i valichi di confine che possono essere attraversati con veicoli a motore.

Ne è convinto il Consiglio nazionale che, con 100 voti contro 89 e 3 astenuti, ha approvato una mozione dell'ex deputato Urs Schläfli (PPD/SO). Gli Stati devono ancora esprimersi.

Per l'autore della mozione, la videosorveglianza tramite il Sistema AFV si rivela efficace solo se introdotto in modo capillare. I criminali scoprono infatti rapidamente dove questi sono installati e scelgono i valichi che ne sono sprovvisti.

Nell'intenzione di Schläfli, la priorità va data ai valichi situati negli agglomerati. Nelle regioni periferiche il sistema va installato a discrezione del corpo delle guardie di confine (Cgcf) d'intesa con le autorità di polizia competenti.

Il consigliere federale Ueli Maurer, pur riconoscendo che il sistema AFV è un mezzo tecnico valido, ha chiesto al plenum di bocciare il testo. Per far sì che sia veramente efficace occorre infatti un'infrastruttura idonea e moderna nonché il personale necessario, ha sostenuto, invano, il ministro delle finanze.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS