Navigation

CN: legge anti-burqa deve promuovere uguaglianza tra sessi

I due rami del Parlamento si sono accordati su un controprogetto da opporre all'iniziativa popolare "Sì al divieto di dissimulare il proprio viso" KEYSTONE/GIAN EHRENZELLER sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 11 marzo 2020 - 10:12
(Keystone-ATS)

La futura legge sulla dissimulazione del viso, controprogetto indiretto all'iniziativa popolare anti-burqa "Sì al divieto di dissimulare il proprio viso", dovrà includere anche provvedimenti volti a promuovere l'uguaglianza uomo-donna.

Lo ha stabilito oggi il Consiglio nazionale, adeguandosi tacitamente alle proposte formulate dal Consiglio degli Stati. Il dossier è così pronto per le votazioni finali.

I due rami del Parlamento sostengono una legge federale sull'occultamento del volto da opporre l'iniziativa popolare "Sì al divieto di dissimulare il proprio viso" lanciata dal comitato di Egerkingen, già all'origine del divieto di costruire nuovi minareti in Svizzera.

Il controprogetto obbliga una persona a mostrare il proprio volto per potersi identificare durante i controlli sui trasporti pubblici, alla dogana o per le procedure amministrative.

Obiettivi al rialzo

Durante la scorsa sessione invernale del Parlamento, il Consiglio nazionale aveva ritoccato al rialzo gli obiettivi del progetto includendovi disposizioni per la parità tra i sessi. La scorsa settimana i "senatori" avevano aderito a questa proposta, aggiungendovi però altre precisazioni, come chiedeva la loro commissione preparatoria.

Concretamente, si auspica una modifica delle legge sugli stranieri e la loro integrazione in modo che i programmi cantonali d'integrazione finanziati dalla Confederazione tengano conto delle particolari esigenze di donne, giovani e bambini. Oggi il Nazionale ha tacitamente accettato queste aggiunte redazionali.

La legge sulla parità dei sessi va quindi rivista onde rendere possibile anche i programmi promozionali che migliorano l'uguaglianza tra uomo e donna all'infuori della vita professionale. Infine, la legge sulla cooperazione allo sviluppo e l'aiuto umanitario internazionali va cambiata affinché figuri il principio che la situazione delle donne dev'essere migliorata.

In aula, la settimana scorsa, solo l'UDC si era opposta a queste precisazioni. Werner Salzmann (UDC/BE) ha sostenuto che simili aggiunte sono inutili. A suo dire l'intero controprogetto andrebbe ritirato.

Iniziativa popolare

L'iniziativa popolare ha come obiettivo le donne che indossano il burqa o il niqab, affinché queste ultime possano decidere liberamente. Il comitato di Egerkingen giustifica la sua iniziativa anche con motivi di sicurezza; il divieto di dissimulazione si applicherebbe infatti anche alle bande di teppisti che agiscono sovente a margine di importanti manifestazioni, come quelle del Primo maggio.

Due cantoni, il Ticino e San Gallo, contemplano nella rispettiva legislazione il divieto del burqa. Zurigo, Soletta, Svitto, Basilea Città e Glarona hanno respinto una normativa simile.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.