Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BERNA - Ueli Maurer si è difeso oggi al Nazionale dall'accusa di aver "cortocircuitato" il Consiglio federale mettendo in consultazione il rapporto sull'esercito. Secondo il ministro della difesa, si tratta soltanto di "un progetto di portata minore", che costituisce unicamente un sotto-elemento del rapporto sulla politica di sicurezza.
Maurer rispondeva a una domanda di Evi Allemann (PS/BE), la quale riteneva che il modo di procedere scelto dal capo del Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport (DDPS) non fosse conforme alla legge federale sulla procedura di consultazione. Secondo la deputata socialista, il governo avrebbe dovuto prendere posizione prima della messa in consultazione del rapporto.
Il Consiglio federale potrà dire se condivide questa opinione soltanto quando tratterà del progetto di rapporto, ha spiegato Maurer. Per il momento, si tratta di informare gli ambienti interessati sugli elementi centrali, ma ancora provvisori, del rapporto sull'esercito.

SDA-ATS