Navigation

Colombia: catturato il 'Pablo Escobar' dell'eroina

Arrestato Carlos Alberto Salazar sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 18 febbraio 2020 - 19:09
(Keystone-ATS)

Le autorità colombiane hanno catturato a Pereira, capitale del dipartimento di Risaralda, Carlos Alberto Salazar, soprannominato 'El senor de la bata' (il signore della veste), considerato il 'Pablo Escobar' dell'eroina nel Paese sudamericano.

Lo riporta il sito dell'emittente Rcn Radio.

La polizia colombiana ha riferito che Salazar è stato catturato mentre comprava i biglietti per una partita della prima fase del pre-olimpico di calcio, che si è giocata a Pereira tra il 18 e il 30 gennaio.

Le autorità hanno riferito che il trafficante di droga, sul quale pende una richiesta di estradizione dagli Stati Uniti, aveva legami con il cartello messicano di Sinaloa. Secondo i dati delle autorità locali, Salazar riusciva a portare in Usa "più di 100 chili di eroina all'anno", il che lo rende il maggior trafficante di eroina finora conosciuto in Colombia.

Salazar era anche il principale coordinatore e investitore di un'organizzazione criminale nella produzione, raccolta e trasporto di eroina, per la quale utilizzava corrieri, borse a doppio fondo, cavità irregolari in veicoli, barche da pesca e motoscafi con destino America centrale e Stati Uniti.

La polizia ha spiegato che 'El Senor de la Bata' reclutava i migliori studenti di ingegneria chimica nelle università colombiane per produrre eroina con la quale potesse eludere i severi controlli della polizia.

Per eluderli, Salazar aveva anche iniziato a processare l'eroina in Messico, dove consegnava la droga al cartello Sinaloa che la portava negli Stati Uniti attraverso rotte illegali. Secondo i dati delle autorità locali, Salazar riusciva a portare in Usa "più di 100 chili di eroina all'anno", il maggior quantitativo mai individuato in Colombia.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.