Navigation

Comandante Forze aeree: Svizzera minacciata da armi telecomandate

Questo contenuto è stato pubblicato il 29 agosto 2010 - 12:25
(Keystone-ATS)

BERNA - Il comandante delle Foze aeree elvetiche Markus Gygax attraverso la stampa domenicale lancia un allarme: la Svizzera sarà presto minacciata da armi telecomandate a largo raggio. A suo avviso la Confederazione dovrebbe premunirsi aderendo ad uno specifico sistema europeo di difesa.
Il mondo si è fatto villaggio anche in ambito militare, afferma il comandante di corpo in un'intervista pubblicata oggi da "Sonntag". Gygax è persuaso che in un futuro prossimo saranno impiegate - piuttosto da organizzazioni che da Stati - armi telecomandate con un raggio d'azione di 3000 chilometri. La Svizzera ne risulterebbe minacciata e deve quindi dotarsi di un apposito sistema di difesa. Per Gygax è però auspicabile che Berna integri una struttura europea, che per tale tipo di minaccia appare più efficace.
L'alto ufficiale invita a non perdere tempo, dato che nessuno può prevedere l'evoluzione strategica nei prossimi cinque o dieci anni. Nel 1988 nessuno aveva immaginato la caduta del Muro un anno dopo, spiega Gygax al giornale.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.