Navigation

COMCO: molto lavoro e multe salate a imprese nel 2019

Le multe inflitte dalla COMCO alle imprese per violazione della legge sui cartelli sono state molto salate nel 2019. Ma le parte lese spesso sono rimaste a mani vuote KEYSTONE/GIAN EHRENZELLER sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 17 marzo 2020 - 10:20
(Keystone-ATS)

L'anno scorso la Commissione della concorrenza (COMCO) ha preso molte decisioni infliggendo multe salate (per 150 milioni di franchi) alle imprese per aver violato la legge sui cartelli. Tuttavia le parti lese si ritrovano spesso a mani vuote.

È quanto emerge dal rapporto annuale 2019 della COMCO pubblicato oggi, nella quale si propugnano "opportune modifiche legislative". La COMCO intende in particolare fissare degli incentivi per un aumento dell'indennità per le vittime dei cartelli. Le parti lese, malgrado la possibilità di richiedere un risarcimento danni, non vengono infatti adeguatamente indennizzate.

Per quanto riguarda il lavoro svolto nel 2019, la COMCO sottolinea come sia stato "un anno molto impegnativo". La Commissione della concorrenza ha portato a termine una dozzina di procedimenti. Le sue indagini si sono concentrate su comportamenti particolarmente nocivi, soprattutto nella lotta contro gli accordi orizzontali. Tenuto conto delle multe elevate e dei lunghi procedimenti davanti alla COMCO e ai tribunali, "la qualità delle decisioni prese è centrale", si precisa nel comunicato.

Questa qualità elevata è stata confermata nel 2019 sia dal Tribunale amministrativo federale che dal Tribunale federale. Ciò permette non solo di ottenere una prassi affidabile, ma garantisce anche un'elevata sicurezza giuridica già a livello della COMCO.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.