Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il commercio al dettaglio ha registrato nel 2013 solo un lieve aumento del fatturato. A registrare le progressioni percentuali maggiori sono stati i negozi di Aldi Svizzera, Volg e soprattutto Landi. Il mercato è rimasto tuttavia dominato dai due giganti Migros e Coop, indica in una nota odierna l'istituto di ricerca di mercato GfK.

I ricavi complessivi del settore hanno raggiunto i 97,2 miliardi di franchi l'anno scorso, lo 0,3% in più rispetto al 2012. Dal 2010 si registra tuttavia un calo dello 0,2%, dopo che nei nove anni precedenti c'era stato un aumento annuo medio dell'1,3%.

Primattore sul mercato resta la cooperativa Migros, con un fatturato di 14,46 miliardi e una crescita dell'1%, seguita da Coop, con ricavi di 13,93 miliardi in crescita dell'1,2%. Terzo posto per la Denner, che appartiene alla Migros, con una crescita dell'1,3% a 317 miliardi di franchi. Dello 0,3% è invece calato il fatturato di Manor, numero quattro del settore, a 2,79 miliardi.

Tra il quinto e il settimo posto figurano le imprese con la crescita maggiore: per Aldi Svizzera l'istituto GfK indica un fatturato di 1,74 miliardi, il che corrisponde a una crescita del 5,5% rispetto al risultato dell'anno precedente. Il gruppo Volg sale da parte sua del 3,2% a 1,4 miliardi, mentre la società sorella nel gruppo Fenaco, Landi, guadagna il 6,3% a 1,27 miliardi.

All'ottavo posto segue il venditore di mobili svedese Ikea, con un +1% a 1,03 miliardi. Al nono, Valora perde l'1,1% a 949 milioni. Crescita zero infine per il gruppo Dosenbach-Ochsner (scarpe e articoli sportivi), a 915 milioni.

SDA-ATS