Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il Consiglio federale dovrà fornire spiegazioni sulle granate a mano svizzere vendute agli Emirati Arabi Uniti (EAU), che sarebbero finite in Siria. La Commissione della gestione del Consiglio nazionale attende una risposta entro la metà di ottobre.

Il governo dovrà presentare un rapporto sull'esito delle indagini in corso, svolte da una commissione d'inchiesta comune EAU-Svizzera. La commissione chiede anche di elencare, a partire dal 2007, i casi di violazione delle dichiarazioni di non riesportazione, nonché eventuali provvedimenti adottati.

La vicenda delle granate risale all'inizio di luglio, dopo la pubblicazione da parte del settimanale "SonntagsZeitung" della foto di una bomba a mano che apparterrebbe a una fornitura di granate ad Abou Dhabi, da parte della RUAG. L'immagine non permette di determinare dove la granata sia affiorata, anche se il giornale cita la località siriana di Marea.

Dai primi accertamenti, la granata rientra tra quelle fornite nel 2003. All'epoca, 225'162 di questi ordigni erano stati venduti all'esercito degli EAU, il cui comando aveva firmato una dichiarazione di non riesportazione di queste armi.

In un primo tempo, la Svizzera ha deciso di bloccare le forniture già autorizzate di armi agli EAU. Il provvedimento è poi stato revocato il 20 luglio, dopo che Berna e Abou Dhabi si erano accordate nell'istituire una commissione d'inchiesta comune.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS