Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Commissione federale contro il razzismo (CFR) osserva "da svariati mesi a questa parte" il "deteriorarsi del clima attorno a determinati gruppi di popolazione svizzeri e stranieri". In una nota pubblicata oggi essa auspica che la Giornata internazionale per l'eliminazione della discriminazione razziale, il 21 marzo, "sia l'occasione per riflettere sugli strumenti idonei a contrastare la tendenza a individuare capri espiatori e a fomentare sentimenti di ostilità".

Se un fatto di cronaca concerne un membro di una determinata comunità - rileva la CFR - la presentazione dei fatti, l'esposizione mediatica e i commenti della stampa, dei mezzi d'informazione elettronici e del mondo politico "inducono a stigmatizzare l'intero gruppo chiamato in causa, definito dall'origine dei suoi membri o addirittura dal colore della loro pelle".

La Svizzera - prosegue la commissione - è un Paese in cui la diversità dovrebbe essere considerata una ricchezza da preservare, nel rispetto dei diritti e degli obblighi di ognuno. "Troppo spesso questa diversità è purtroppo vista come un inconveniente o addirittura un pericolo per la coesione della nostra società".

Una delle cause di questa ostilità, secondo la CFR, "è senza dubbio la tendenza viepiù marcata a identificare il capro espiatorio" in un gruppo di persone accomunate dalla provenienza geografica, dall'appartenenza etnica, dal colore della pelle, dalla religione o da uno stile di vita improntato al nomadismo. È sufficiente che un membro commetta un reato perché l'intero gruppo sia stigmatizzato.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS