Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un anno fa, i produttori agricoli svizzeri hanno vissuto un boom delle esportazioni verso la Russia in seguito al divieto di Mosca di importare carne, latticini, frutta e verdura dall'UE. Il crollo del rublo e la forza del franco hanno però messo fine a tali affari.

Tra il luglio 2014 e lo stesso mese di quest'anno, le esportazioni di carne svizzera verso la Russia hanno raggiunto le 1722 tonnellate, aumentando di dieci volte, secondo le cifre dell'Amministrazione federale delle dogane (AFD). La tendenza è la stessa per gli altri prodotti agricoli. Le vendite sono esplose per il fatto che la Svizzera è rimasta fuori dal bando russo verso l'UE, deciso a causa della crisi in Ucraina.

Tuttavia, il boom degli affari è durato in realtà solo per i primi mesi. Da dicembre le esportazioni elvetiche sono drasticamente diminuite per il crollo del rublo. Un mese più tardi, il rafforzamento del franco ha peggiorato la situazione.

Improvvisamente, i prodotti elvetici sono diventati troppo cari per gli importatori russi, hanno spiegato all'ats Ruedi Hadorn, direttore dell'Unione professionale svizzera della carne (UPSC), e Marc Wermelinger, direttore dell'Associazione svizzera del commercio di frutta, verdura e patate (Swisscofel). "Non era più possibile fare concorrenza a prodotti turchi, iraniani o cinesi", ha sottolineato quest'ultimo.

Ma non è tutto: lo scorso maggio le autorità russe hanno scoperto che tonnellate di carne in provenienza dall'Ue erano entrate nel loro Paese con un marchio svizzero falsificato per aggirare le restrizioni. Da quel momento, gli ostacoli amministrativi sono aumentati notevolmente, bloccando praticamente del tutto i prodotti provenienti dalla Confederazione.

Entrambi i direttori hanno comunque dichiarato che le esportazioni in Russia sono state un tentativo più che un progetto a lungo termine. La quantità dei prodotti elvetici ha raggiunto al massimo lo 0,2% del mercato, e la Svizzera non produce in ogni caso abbastanza per coprire il fabbisogno russo, rendendo impossibile un ruolo di primo piano.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS