Navigation

Con l'epidemia fuggiti da mercati emergenti oltre 100 miliardi

Chi ha soldi li sposta laddove ritiene siano più al sicuro. KEYSTONE/AP/Leo Correa sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 22 maggio 2020 - 16:00
(Keystone-ATS)

Dallo scoppio della pandemia di coronavirus "i mercati emergenti hanno visto deflussi di capitali per oltre 100 miliardi di dollari, quasi il doppio (in relazione al Pil) rispetto a quelli sperimentati durante la crisi finanziaria globale".

Lo sottolinea il Fondo Monetario Internazionale in un capitolo del rapporto Global Financial Stability , appena diffuso, aggiungendo che se nelle ultime settimane "i flussi in uscita si sono ridotti, questa oscillazione drammatica sottolinea le sfide nella gestione di flussi di portafoglio volatili e i rischi che ciò può comportare per la stabilità finanziaria".

Il Fondo evidenzia come molti mercati emergenti hanno intensificato l'emissione di debito sovrano in valuta locale negli ultimi anni. A prima vista questo offre ai paesi una maggiore tutela contro episodi di volatilità delle valute nazionali o dall’irrigidimento delle condizioni finanziarie esterne. Tuttavia, osserva l’Fmi, "una maggiore partecipazione straniera ai mercati del debito li espone ai cambiamenti delle condizioni finanziarie globali attraverso il comportamento e le preferenze degli investitori stranieri, come l'attuale volatilità legata alla pandemia di COVID-19.

Durante i periodi di avversione al rischio è possibile che gli investitori stranieri riducano la loro esposizione e potrebbero non rinnovare posizioni in scadenza, innescando così deflussi", che potrebbero danneggiare i mercati obbligazionari.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.