Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il cantone di Basilea Città non aderirà al riveduto Concordato anti-hooligan. Un'iniziativa in questo senso non è riuscita a raccogliere le firme necessarie. Nel Cantone di Basilea Campagna la raccolta si è "infiacchita".

Le due iniziative erano state lanciate nell'agosto 2014 dall'associazione "Hooligans-Stopp beider Basel" che intendeva sottoporre al voto popolare l'adesione.

Nella città-stato renana il termine di raccolta è scaduto questa settimana. Le 3000 firme necessarie non sono state raggiunte, ha spiegato all'ats Joël Thüring, uno dei promotori nonché gran consigliere cantonale (UDC).

A Basilea Campagna è ancora possibile raccogliere le firme ma il comitato intende fermare le sue attività. Secondo le dichiarazioni dei parlamentari cantonali Elisabeth Augstburger (PEV) e Georges Thüring (UDC), entrambi appartenenti all'associazione, non è ancora stata presa una decisione formale al riguardo. Tuttavia, dopo una partenza coronata da successo, lo scorso anno la raccolta firme si è "assopita". Dopo il fallimento nella città Cantone - sostiene Thüring - "la questione è chiusa" anche nel cantone di campagna.

Il Concordato riveduto assegna più mezzi alle forze dell'ordine e, secondo il sito della Conferenza dei direttori dei dipartimenti cantonali di giustizia e polizia (CDDGP), è attualmente in vigore in 23 cantoni tra cui il Ticino. Nella città-stato renana il Gran Consiglio ha deciso di non entrare in materia l'11 dicembre 2013 a grande maggioranza (69 voti contro 13 e due astensioni), considerando le nuove misure inutili e problematiche dal punto di vista giuridico. A Basilea Campagna i deputati hanno reagito in modo analogo il 16 gennaio 2014.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS