Navigation

Concorrente "Wetten, dass?" sta meglio, trasferito in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato il 11 dicembre 2010 - 18:20
(Keystone-ATS)

DÜSSELDORF - Sta meglio ed è stato trasferito in Svizzera, precisamente al Centro per paraplegici di Nottwil (LU), il giovane 23enne rimasto vittima di un gravissimo incidente sabato scorso durante la nota trasmissione televisiva tedesca "Wetten, dass?" (Scommettiamo che?). Lo ha indicato oggi pomeriggio in una conferenza stampa il direttore medico della clinica universitaria di Düsseldorf, Wolfgang Raab.
Le condizioni di Samuel Koch - questo il nome del giovane - sono migliorate, il suo stato di salute si è stabilizzato, respira di nuovo da solo e mostra i primi segni di movimento delle braccia e delle gambe. La fase acuta è terminata, ha affermato il professor Hans-Jakob Steiger: può quindi cominciare la prima fase di riabilitazione, fissata in tre mesi. Secondo Raab vi sono "timide speranze" che la paralisi agli arti possa essere ridotta. La diagnosi è comunque riservata.
Koch è stato trasferito stamani con un jet dal soccorso aereo tedesco a Zurigo e da lì con un elicottero della Rega a Nottwil, ha Precisato all'ATS una portavoce del Centro svizzero per paraplegici (CSP). Si trova attualmente ricoverato nel reparto cure intensive. La clinica lucernese è rinomata a livello europeo ed è specializzato nella cura di pazienti affetti da paraplegia e lesioni alla colonna vertebrale. Koch era accompagnato da famigliari che avranno la possibilità di pernottare nella struttura.
Il nuovo medico del giovane a Nottwil, Michael Baumberger, prevede un soggiorno di lunga durata. "Abbiamo bisogno di tempo", ha spiegato all'agenzia Dpa. "Da sei a nove mesi di riabilitazione, questa sarà probabilmente la realtà". Il paziente non è ancora stato visitato in modo esteso: dopo il viaggio - un "rischio calcolato", secondo i medici - era infatti stanco.
L'incidente era avvenuto nello show ospitato in prima serata dall'emittente pubblica ZDF. Koch aveva tentato senza successo di saltare in diretta un'auto, guidata dal padre, che avanzava verso di lui: finito in coma, aveva a lungo lottato contro la morte. La trasmissione condotta da Thomas Gottschalk e Michelle Hunziker era stata immediatamente interrotta.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.