Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un cittadino russo di 53 anni, residente a Zurigo e ricercato a livello internazionale perché condannato all'ergastolo dal tribunale di Mosca per omicidio, è stato arrestato al valico di frontiera di Ponte San Ludovico dagli agenti di frontiera di Ventimiglia (I).

L'uomo, che molto probabilmente proveniva dal Principato di Monaco, aveva varcato la frontiera per raggiungere alcuni amici che lo attendevano in un noto ristorante di Ventimiglia. Vestito con abiti eleganti viaggiava su un fuoristrada. A tradirlo l'atteggiamento particolarmente nervoso e sbrigativo. Accompagnato negli uffici della polizia di frontiera, da successivi accertamenti in banca dati è risultato che doveva scontare l'ergastolo.

Da accertamenti tramite Interpol è emerso che, tra il 2013 e il 2014, il ricercato con alcuni complici aveva creato un'associazione criminale per appropriarsi dei beni immobili appartenenti a un facoltoso cittadino russo per un valore di un milione di rubli. Il 22 gennaio 2014, a Korolev (Mosca) l'uomo finito nel mirino dei criminali era stato ucciso da una raffica di kalashnikov mentre si trovava all'interno della sua Land Rover. I killer riuscirono a fuggire. Da allora, era stato emesso nei confronti dell'uomo fermato alla frontiera un mandato di arresto internazionale ai fini d'estradizione.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS