Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Confederazione e Cantoni per formazione continua

Per limitare l'immigrazione di manodopera straniera, le potenzialità del sistema formativo svizzero devono essere sfruttate meglio. Per esempio con l'aiuto al reinserimento professionale, il mantenimento delle conoscenze acquisite e l'apprendimento per tutta la vita.

"La permeabilità tra le formazioni deve ancora essere migliorata", ha indicato oggi ai media il consigliere federale Johann Schneider-Ammann a Berna.

"Bisogna tener conto della pianificazione sempre più flessibile delle carriere professionali che includono riorientamenti, esigenze famigliari e reinserimenti", hanno indicato il Dipartimento federale dell'economia, della formazione e della ricerca (DEFR) e la Conferenza dei direttori cantonali della pubblica educazione (CDPE).

Per far ciò bisogna incoraggiare la formazione continua per gli adulti. Allo stesso tempo, le conoscenze informali acquisite grazie all'esperienza devono essere considerate meglio nel quadro di un processo di mantenimento delle competenze.

Per far fronte alla penuria di lavoratori qualificati nel campo della sanità e della tecnica, Confederazione e Cantoni preconizzano misure per far sì che la scelta di una professione sia meno condizionata dal sesso e da stereotipi di genere. "Inoltre, l'interesse per questi settori deve essere risvegliato e incoraggiato a tutti i livelli scolastici".

Allo scopo di sfruttare al meglio le potenzialità della manodopera elvetica, spetta ai Cantoni garantire servizi extra famigliari che permettano di conciliare vita familiare e professionale. "Tenuto conto della diversità degli attori coinvolti a tutti i livelli dello Stato, è indispensabile una collaborazione rafforzata in questo settore", informa la dichiarazione 2015 sugli obbiettivi comuni del DEFR e della CDPE sulla formazione.

Bisogna anche mantenere un insegnamento di qualità. In questo senso, è necessario migliorare l'accesso alla formazione degli insegnanti e l'organizzazione di questi studi.

Dal punto di vista delle materie insegnate, è essenziale per il DEFR e la CDPE promuovere gli studi sullo sviluppo sostenibile e l'educazione civica. Gli scambi linguistici devono inoltre essere favoriti.

A livello universitario, si deve poi lottare contro il tasso elevato di abbandono degli studi o il cambiamento di indirizzo. Infatti solo poco più della metà dei titolari di una maturità liceale che proseguono la loro formazione in un'università terminano gli studi.

Ma l'accesso senza esami d'ammissione all'università per i detentori di una maturità liceale deve essere mantenuto. "Ciò permette di rafforzare le pari opportunità e d'incoraggiare una sana emulazione", ha affermato Schneider-Ammann.

Nel 2011, Confederazione e Cantoni hanno adottato, per la prima volta, obiettivi politici comuni per il futuro dello spazio svizzero formativo, dopo aver analizzato il primo rapporto nazionale sull'educazione. Questi obiettivi restano tuttora validi. "Nel 2015, non ci sono stati grandi cambiamenti di orientamento anche se la situazione è stata rivalutata alla luce del secondo rapporto pubblicato l'anno scorso", ha concluso il ministro della formazione e della ricerca.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.