Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Confederazione, cantoni e partner sociali si sono riuniti oggi a Berna per la prima conferenza nazionale sui problemi dei lavoratori anziani, e in particolare di quelli che si ritrovano senza occupazione.

Assieme al ministro dell'economia Johann Schneider-Ammann è stata approvata una dichiarazione sulle prime misure da prendere, i cui effetti saranno esaminati tra un anno. Secondo i sindacati è stata una buona iniziativa, ma dai risultati alquanto limitati.

In concreto si tratta di migliorare gli strumenti già esistenti nell'ambito della assicurazione contro la disoccupazione e di adattarli ai bisogni delle persone di oltre 50 anni, nonché di monitorare quali siano le misure più efficaci di reinserimento dei lavoratori in età avanzata, afferma la dichiarazione finale.

È poi importante che le possibilità di perfezionamento professionale siano indipendenti da età, sesso e qualifiche. Si raccomanda quindi di fare il punto nelle aziende a intervalli regolari.

Bisogna inoltre sensibilizzare i datori di lavoro e l'opinione pubblica sui dipendenti anziani, per correggere vari pregiudizi che rendono loro più difficile trovare un impiego. Il potenziale di queste persone andrebbe valorizzato.

Infine, si tratta di esaminare se che si ritrova disoccupato in età avanzata possa ottenere le prestazioni di libero passaggio.

"Prendiamo la questione molto sul serio", ha detto alla stampa il consigliere federale Johann Schneider-Ammann. Con la conferenza odierna è stato fatto un primo passo per migliorare la situazione. "Tutti i partecipanti si sono impegnati a raggiungere un compromesso", ha sostenuto il ministro dell'economia. Il successo dell'iniziativa dipenderà però anche dalle condizioni quadro dell'economia e le prospettive per quest'anno sono ancora incerte, ha aggiunto Schneider-Ammann.

I partecipanti al dibattito - rappresentanti di Confederazione, Cantoni, Unione svizzera degli imprenditori (USI), Unione sindacale svizzera (USS), Unione svizzera delle arti e mestieri (USAM) e Travail.Suisse - si rivedranno fra un anno per valutare gli effetti delle misure.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS