Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Grossi danni alle colture a causa del gelo.

KEYSTONE/APA/ERWIN SCHERIAU

(sda-ats)

A causa delle gelate di fine aprile, molti contadini hanno subito grossi alle colture. Per far fronte alle perdite finanziarie, la Confederazione vorrebbe venire in aiuto degli agricoltori mettendo a disposizione un fondo di 50 milioni di franchi.

Simili aiuti sarebbero destinati in primo luogo ai cosiddetti "casi di rigore", ha dichiarato stamattina a radio DRS il vicedirettore dell'Ufficio federale dell'agricoltura, Christian Hofer. Si pensa in particolare a quelle aziende che, a causa dei danni provocati dal gelo, sono costrette a chiudere oppure si trovano di fronte a grossi problemi di liquidità.

Gli aiuti, sotto forma di crediti senza interessi per una cinquantina di milioni, potrebbero venir prelevati dall'attuale fondo di aiuto alle imprese agricole che dispone attualmente di 155 milioni. In teoria, ogni azienda toccata dal problema potrebbe ricevere aiuti in denaro fino a 800 mila franchi a seconda del danno patito.

Secondo Hofer, non verrebbero coperte tutte le perdite. Al momento, solo poche aziende si sono rivolte alla Confederazione per ottenere sostegno, ha detto. Si tratta soprattutto di produttori di ciliegie e albicocche, colture che hanno subito i danni maggiori, danni che possono già essere stimati.

Per quanto riguarda invece i vignaioli è ancora troppo presto per valutare i danni. Questi coltivatori possono ancora sperare che parte della vigna si riprenda durante l'estate. I danneggiamenti potrebbero quindi risultare inferiori al temuto.

Secondo le ultime proiezioni, per la frutta,i costi dei danni causati dal gelo si aggirano sui 100 milioni di franchi. Per la vigna non sono ancora disponibili dati certi, ma almeno 5500 ettari sono stati toccati dal cattivo tempo.

Nel settore della frutta "si può ormai parlare di perdite storiche", aveva dichiarato lo scorso 24 maggio all'ats Hubert Zufferey dell'Associazione Svizzera Frutta. Per i produttori di mele i danni si avvicinano ai 42 milioni, per le ciliege sono sui 25 milioni, aveva precisato.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS