Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Le aspettative degli economisti e degli analisti riguardo all'evoluzione congiunturale in Svizzera nei prossimi sei mesi peggiorano leggermente. L'indicatore calcolato da Credit Suisse e dal Centro per la ricerca economica europea (ZEW) è lievemente calato a luglio a 0,1 punti, in flessione di 4,7 punti rispetto al mese di giugno.

La quota di analisti che prevedono nei prossimi sei mesi un miglioramento delle condizioni economiche interne è scesa nel mese in rassegna di 2,0 punti a 14,7%, mentre coloro che pronosticano un peggioramento sono aumentati di 2,7 punti attestandosi al 14,6%. Il 70,7% (-0,7 punti) degli analisti e degli economisti interrogati è convinto invece che nei prossimi sei mesi non vi saranno cambiamenti nella situazione congiunturale.

Senza mutazioni rispetto allo scorso mese, il 98% degli analisti prevede interessi a corto termine costanti e la metà interessi a lungo termine crescenti.

Le previsioni sull'inflazione sono leggermente calate. Il 19% degli interrogati stimano prezzi crescenti, quasi il 5% al contrario prevedono prezzi in calo e il restante 76% costanti.

Per quanto riguarda le aspettative sulla disoccupazione, gli analisti che puntano su una crescita del tasso dei senza lavoro sono aumentati rispetto a giugno di 2,8 punti al 14,7%, quelli che stimano un arretramento sono invece diminuiti di 6,8 punti al 14,6%.

In confronto al mese scorso, sia le previsioni della dinamica delle esportazioni sia le aspettative sul futuro si sono offuscate. Ciò si rispecchia anche nelle previsioni congiunturali in Svizzera.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS