Navigation

Congo: 11 caschi blu feriti da proiettili nel sud Kivu

Questo contenuto è stato pubblicato il 14 maggio 2012 - 21:51
(Keystone-ATS)

Undici caschi blu del contingente Monuc delle Nazioni Unite dispiegato nella Repubblica Democratica del Congo (Rdc) sono stati feriti oggi da colpi di proiettile sparati contro di loro da alcuni locali che hanno accusato la missione Onu di non essere intervenute di fronte agli attacchi sanguinari attribuiti alle Forze democratiche di liberazione del Ruanda (Fdlr).

L'episodio si è verificato nell'instabile provincia del Sud-Kivu a est del Paese. "Ieri notte, le forze Fdlr hanno attaccato Kanamiga, e questa mattina la popolazione è scesa per strada intorno a un veicolo del Monuc a Bunyakiri, a 3 km da Kanamiga, convinti che il contingente Onu non abbia fatto nulla per proteggerla - ha riferito Manodje Mounoubai, portavoce dei caschi blu a Kinshasa -. Mentre la gente stava manifestando, sono partiti alcuni colpi di arma da fuoco che hanno ferito undici caschi blu, di cui due in modo grave. Le nostre truppe non hanno risposto al fuoco altrimenti ci sarebbe stata una carneficina". Ancora sconosciuti gli autori della sparatoria.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?