Navigation

Congo, almeno 12 ranger uccisi e sei civili feriti in blitz

Numerosi morti fra i ranger. KEYSTONE/AP/Jerome Delay sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 24 aprile 2020 - 21:30
(Keystone-ATS)

Almeno 12 ranger sono stati uccisi e sei civili feriti oggi in un attacco che ha avuto luogo al parco nazionale dei Virunga, area naturale protetta della Repubblica democratica del Congo e patrimonio dell'umanità dell'Unesco.

Il funzionario governativo Cosma Wilungula, citato da Bbc Africa, ha affermato che l'attacco è stato il più mortale della storia del parco e che circa 60 membri del gruppo ribelle Forze democratiche per la liberazione del Ruanda (Fdlr) hanno teso un'imboscata a un convoglio di civili protetto dai ranger.

Il parco dei Virunga, che si estende per 7.800 chilometri quadrati nella Repubblica democratica del Congo, confina con Ruanda e Uganda ed è famoso perché ospita i gorilla di montagna, ma la sua storia è contrassegnata da violenze e instabilità. Inaugurato nel 1925, infatti, ha conosciuto molti blitz da parte di gruppi ribelli, milizie e bracconieri.

Le visite sono state sospese dal 19 marzo per almeno 30 giorni a causa della pandemia di coronavirus. Il parco chiuse le porte ai visitatori anche tra maggio 2018 e l'inizio di quest'anno dopo il rapimento di due turisti britannici, durante il quale un ranger fu ucciso. I due sono stati poi liberati.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.