Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

KINSHASA - Otto operatori del Comitato internazionale della Croce Rossa (CICR), tra cui uno svizzero, sono stati rapiti ieri nella provincia di Sud-Kivo, nella Repubblica democratica del Congo, da un gruppo di miliziani Mai-Mai Yakutumba. Lo si è appreso questa notte da fonti concordanti.
Una fonte umanitaria ha riferito all'agenzia di stampa francese Afp che gli otto sono stati bloccati dai guerriglieri mentre stavano rientrando alla loro base e sono stati costretti a seguirli fino a Kasakwa, a circa 250 chilometri a sud del capoluogo provinciale Bukavu.
Tra i rapiti ci sono anche due autisti di nazionalità congolose, secondo quanto è stato precisato.
Un responsabile dell'ufficio del CICR nella Repubblica democratica del Congo ha confermato all'Afp il sequestro ed ha detto che sono in corso trattative per ottenere il rilascio degli ostaggi. Non è chiaro se sia stato chiesto un riscatto.

SDA-ATS